Articoli

Prendersi cura della propria salute: il 10 Giugno a Torino con TTC

Torino Taking Care
10 Giugno 2017 – Arsenale della Pace
Piazza Borgo Dora, 61 Torino

Torino Taking Care è il primo evento dedicato alla salute che offre ai cittadini strumenti di prevenzione concreti: screening, esami e consulenze gratuiti. Punta all’accesso alla salute del cittadino come diritto da tutelare, salute intesa come stato di benessere fisico, mentale e sociale, attraverso la libera fruizione di appositi strumenti: l’informazione, i controlli gratuiti, la mediazione, la formazione. Una festa dello star bene, dedicata ai cittadini di ogni età, per imparare a prendersi cura di sé e affermare il proprio diritto alla salute!
Sabato 10 giugno appuntamento a “Torino taking care”. Un evento che parla di prevenzione e cura. Si tratta di una manifestazione gratuita aperta a tutti, e al centro di questa prima edizione dell’evento ci sarà il tema della salute della donna, soggetto caro all’associazione organizzatrice, Gineceo.

Il percorso verso la salute si basa sulla prevenzione e sul sostegno. Due concetti che trovano il loro comune denominatore nella finalità umanitaria: l’obiettivo è aiutare il prossimo a stare bene, non solo con la terapia, che contraddistingue il gesto propriamente medico, ma con accorgimenti da adottare nella vita quotidiana. La prevenzione è essenzialmente conoscenza: informare il cittadino circa i rischi per la propria salute e dargli modo di attivarsi tempestivamente e con le modalità più consone alla sua identità, alla sua posizione professionale, alle sue esigenze. È indispensabile che tutti i soggetti siano coinvolti, famiglia, terza età, bambini e giovani. L’obiettivo è avvicinare i cittadini alla prevenzione e migliorare la qualità della propria vita!

L’evento dura un giorno ed è organizzato in 5 aree:

  • Forum: cuore dell’evento TTC, dove si svolge la parte più corposa degli interventi a carattere medico-scientifico. Uno spazio accogliente a disposizione dei visitatori che vorranno seguire gli argomenti del programma più vicini alle proprie esigenze.
  • Activity: Associazioni e professionisti sono a disposizione del pubblico, con formule di prenotazione sul posto, per dimostrazioni, workshop e attività fisica.
  • Educational: lo spazio dedicato idealmente alla formazione, a quell’indispensabile passaggio educativo che rende possibile la messa in pratica di una corretta prevenzione da parte dell’individuo. Gestire la propria salute e quella dei propri familiari può diventare più facile se si è in possesso di conoscenze specifiche, in termini di regole da rispettare, procedure da eseguire, riconoscimento di sintomi, precauzioni d’uso…e mille altre pillole salva salute! Lezioni, focus e prove pratiche, l’occasione per un momento formativo qualificato e gratuito.
  • Kids First-Aid: area aperta a tutti coloro che accudiscono o trascorrono tempo con i nostri figli, è l’area il cui tema centrale è la salute dei bambini. Un programma interamente dedicato alle tecniche salva vita, cenni di primo soccorso pediatrico, semplici gesti utili per reagire correttamente in situazioni di emergenza.
  • Medical Care: l’area dedicata a collaboratori, partner e sponsor per consentire al visitatore un percorso attraverso gli esami gratuiti a disposizione e le questioni mediche di maggior interesse per il cittadino.

Legge per la protezione dei Minori Stranieri Non Accompagnati

Sergio Durando, direttore della Pastorale migranti della diocesi ha accolto con favore la legge per la protezione dei Msna approvata in via definitiva dalla Camera il 29 marzo scorso (375 voti a favore, 13 contrari e 41 astenuti).

Dal 2014 a oggi, come denuncia il Rapporto di Migrantes sono stati oltre 50 mila i Msna sbarcati sulle nostre coste e che in troppi casi non hanno ottenuto un’ immediata tutela e protezione in un contesto familiare. «La legge nuova aiuta a superare, anzitutto, la precarietà e la frammentarietà degli interventi e un’accoglienza inadeguata per adolescenti,  spesso in grandi centri che non hanno nulla di simile ad una famiglia, disponendo una immediata tutela e azioni che salvaguardino ‘il superiore interesse del minore».

Nell’accoglienza dei MSNA la chiesa torinese è coinvolta con i Salesiani nelle opere di San Salvario e San Paolo, e poi i Giuseppini del Murialdo, il Volontariato vincenziano, la «Difesa del Fanciullo» cooperativa Valpiana e la cooperativa Arco.

 

 

 

XXVIII Giornata Caritas: Inclusione attiva,non passiva assistenza

Seguendo le indicazioni di Papa Francesco e forte dell’esperienza maturata soprattutto negli ultimi anni di crisi, la Caritas Diocesana di Torino ha accelerato l’investimento sulle modalità di inclusione attiva dei poveri. La direzione di marcia per volontari e operatori, pertanto, non si orienta verso un’assistenza passiva, un’indebita supplenza, un intervento individuale, bensì tende al riconoscimento delle potenzialità dei poveri, a costruire comunità e riferimenti, a dare parola e ad aprire spazi di conversazione.

Da questa riflessione partirà il convegno dal titolo “ABITARE DA CREDENTI: STRUMENTI DI DIO PER L’INCLUSIONE DEI POVERI“, nel corso della XXVIII Giornata Caritas in programma per SABATO 1 APRILE 2017 dalle 8.30 alle 12.45 presso il Teatro Grande Valdocco a Torino, in via Sassari 28/B.

La mattinata sarà condotta dal Dott. Fabio POLES, economista dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e tra i primi fondatori della Scuola di
Economia Civile (SEC), che guiderà la conversazione con Mons. Cesare NOSIGLIA (Arcivescovo diTorino), don Giovanni PERINI (direttore regionale delle Caritas di Piemonte e Valle d’Aosta), Pierluigi DOVIS (direttore Caritas Diocesana di Torino), alcune persone senza dimora partecipanti ai progetti AgriSis.Te.R. (inserimento sociale e lavorativo in un cohousing a Cavagnolo), Costruire Bellezza (programma incubato dal Comitato S-Nodi), La Voce fuori campo (laboratorio di giornalismo che redige una pagina mensile sul settimanale diocesano La Voce e il Tempo), e con animatori della Cittadella della Carità di Bra recentemente fondata.

Nel corso della mattinata è previsto anche un approfondimento spirituale a cura di suor Rosanna GERBINO (Suore di San Giuseppe) e la riscoperta dell’esperienza di inclusione sociale vissuta da Sant’Ignazio da Santhià (frate cappuccino di fine ‘600, antesignano dei santi sociali torinesi).
INGRESSO LIBERO, INVITO ESTESO A QUANTI SIANO INTERESSATI AL TEMA.
Nel corso della mattinata sarà possibile ammirare alcune OPERE ARTISTICHE e restaurative ESEGUITE DA PERSONE SENZA DIMORA.

Per approfondimenti: caritas@diocesi.torino.it

Visita il Sito della Caritas Diocesana di Torino

28 marzo 2017 – PER NON CADERE NELLA “RETE”

La scuola Secondaria di I Grado M. Rua, con il patrocinio della 6^ Circoscrizione della Città di Torino promuove l’incontro PER NON CADERE NELLA “RETE” sui rischi e le opportunità del mondo digitale.

L’appuntamento al quale interverrà personale esperto del Corpo di Polizia Municipale di Torino, avrà luogo martedì 28 marzo 2017 alle ore 18.15  presso il Teatro Monterosa.
Ingresso Libero

 

27 Marzo 2017 – Incontro con Vittorio Marchis

​​Il Centro Universitario Salesiano – ​​CUS di Valdocco ​negli scorsi mesi ha rivolto a tutti gli universitari che dimorano ​nei CUS torinesi,​ l’invito a trascorrere una serata diversa dal titolo “Dialoghi di Vita”​.​

​Nel corso della prima serata, l​’accorata​ testimonianza​​ di ​​un “uomo di legge”, Gian Carlo Caselli, ​poi la freschezza e la solida professionalità di un giornalista sportivo e telecronista, Antonio Paolino.

I​l terzo, ed ultimo, appuntamento sar​à Lunedì​ 2​7 Marzo 2017 a​lle ore 21,00​ in​ compagnia del Prof. Vittorio Marchis, ​docente di Storia della Tecnologia, dell’Industria Italiana e della Cultura Materiale​​.

L’incontro è ad ingresso gratuito e si terrà presso Valdocco (Via Maria Ausiliatrice, 32 oppure ingresso carraio, con parcheggio interno, di Via Sassari, 28/B), nella cornice della Sala Sangalli.

 

ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO: PSICOLOGO O EDUCATORE?

Porte aperte all’Istituto Universitario Salesiano Rebaudengo di Torino, l’Università dal motto “Da noi sei più di un numero”:

Da lunedì 20 a domenica 26 marzo: Open Campus Week
Si potrà assistere alle lezioni, una full immersion nella realtà universitaria di IUSTO. Possibilità di incontrare studenti, docenti e visitare gli ambienti.
E’ necessario confermare partecipazione on line obbligatoria, QUI

Mentre giovedì 30 marzo 2017, verranno presentate le due lauree triennali:
•    Psicologia (L-24)
•    Scienze dell’Educazione (L-19)

Conferma partecipazione on line obbligatoria:

Universitari “San Salvario”

Una folta popolazione di giovani universitari ogni giorno e notte frequenta la zona di San Salvario. In un’ottica di impegno salesiano stanno timidamente sorgendo appuntamenti formativi e iniziative di coinvolgimento per un cammino di crescita umana e cristiana.

15.03.2017 Convegno alla Crocetta

La Facoltà di Teologia dell’Università Pontificia Salesiana insieme alla Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale di Torino organizza il convegno sul tema “Società senza festa? Forza e debolezza di un tempo sospeso”.

L’appuntamento è fissato per mercoledì 15 marzo 2017 presso l’Istituto Internazionale don Bosco in via Caboto 27 a Torino.

La partecipazione è libera. I lavori avranno inizio alle 9.15.

Per il programma completo e scaricare la brochure vai sul sito della Facoltà.

Per informazioni contattare la segreteria UPS di Torino: 011.5811260 (8.30-12.30), mail: unisaltorino@gmail.com

 

Carnevale all’Oratorio Michele Rua

L’oratorio Michele Rua ha organizzato una Grande Festa di Carnevale per Domenica 26 febbraio 2017 con tema: il CIBO. A partire dalle ore 15:00 un’intrattenimento continuo tra giochi, sfide, musica e  frittelle!

Per maggiori informazioni, visita il sito dell’Oratorio.

 

Social Housing in San Salvario

La Parrocchia di Santi Pietro e Paolo in San Salvario inizia una nuova avventura nel cuore multiculturale della città metropolitana, una nuova modalità di accompagnamento educativo.  Il nome del progetto è “San Salvario House“, nato in accordo con il vescovo di Torino e la Caritas Diocesana, con il contributo di Compagnia di San Paolo e alcuni enti privati, ambisce alla concretizzazione delle sfide lanciate da Papa Francesco in merito ad accoglienza e ospitalità. Pertanto, nei prossimi sei mesi si avvieranno i lavori per destinare una parte della canonica ad un social housing dove i destinatari saranno di provenienze miste: un mix sociale che sia creativo, stimolante, che porti dinamicità alla convivenza e che si configuri come “una filiera di accompagnamento educativo in continuità con il lavoro svolto con coloro che già frequentano la comunità religiosa – così afferma Don Mauro Mergola, parroco della parrocchia – e, quindi, che possa costruire una nuova comunità attraverso l’integrazione, diventando magari un punto di riferimento significativo di questo processo”.

I destinatari sono giovani italiani e stranieri, tra i 18 e i 39 anni,  che dovranno occuparsi della pulizia dei luoghi comuni e della propria camera con un aiuto settimanale di alcune ore per le parti comuni. La permanenza è temporanea ed è pari ad un massimo 18 mesi, a seconda del livello di autonomia e degli obiettivi da raggiungere. Saranno previsti alcuni momenti di vita comune organizzati insieme ai ragazzi e all’equipe educativa, tra i quali: cene insieme e momenti di convivialità e di formazione condivisi, proposte di uscite comunitarie culturale per Torino e dintorni. Inoltre, agli ospiti verranno chieste alcune ore di volontariato da svolgere nelle diverse attività della Parrocchia e dei due oratori.
Il progetto, oltre ad essere una opportunità per giovani ragazzi italiani e stranieri,  può essere un’occasione per tutta la comunità per sviluppare momenti e proposte di volontariato, formazione, intercultura e molto altro.
“Un angolo a colori in San Salvario … Profumi e sapori di casa!” … una nuova casa per la comunità di San Salvario.

La bontà del progetto “San Salvario House” verrà testimoniata anche con un collegamento diretto, mercoledì 1 marzo 2017 a partire dalle ore 21.05, dove l’obiettivo di ​‘​​Avanti il prossimo’, il talk show di Tv2000 ​​condotto da Piero Badaloni​, si poserà su questa realtà nascente, ​sviluppando la puntata intorno al tema dei minori stranieri non accompagnati.

 

 

 

Articolo apparso su La Stampa (ed. Torino) del 14/02