Articoli

Apertura dell’Anno Pastorale – resoconto

L’1 e 2 settembre si sono tenute a Valdocco le giornate di Apertura del nuovo Anno Pastorale.

La prima giornata è stata dedicata all’incontro dei Consigli delle CEP (Comunità Educative Pastorali) delle diverse opere, mentre il giorno successivo è stato l’occasione di ritrovo, nell’Assemblea Ispettoriale, per tutti i confratelli.

Venerdì 1 Settembre 2017

 

Sabato 2 Settembre 2017

La PhotoGallery

Tra i provvedimenti della Giunta regionale la formazione dei docenti a cura del CNOS-FAP

Il CNOS/FAP del Piemonte organizza corsi di istruzione e formazione professionale (IeFP) dedicati ai docenti delle scuole secondarie di secondo grado della Regione Valle d’Aosta, previsti dal piano regionale dell’offerta formativa per l’anno scolastico 2017/2018, per un importo complessivo di 6 mila 500 euro. I corsi saranno realizzati dal CNOS/FAP del Piemonte, che metterà a disposizione uno staff composto da formatori con competenze diverse, in modo da rispondere alle esigenze che emergeranno nei diversi indirizzi professionali.

Questo è quanto emerge dal Comunicato Stampa della Giunta regionale della Valle d’Aosta riportato integralmente qui di seguito.

1 e 2 Settembre: Appuntamenti di Inizio anno Pastorale

Nella pomeriggio del 1 settembre e nella mattinata del 2 settembre, si terranno a Valdocco gli oramai tradizionali appuntamenti di Inizio Anno Pastorale.

La prima giornata sarà dedicata all’incontro dei Consigli delle CEP (Comunità Educative Pastorali) delle diverse opere, mentre il giorno successivo sarà l’occasione di ritrovo per tutti i confratelli dell’Ispettoria nella Assemblea Ispettoriale.

Il programma della due giorni è il seguente:

Venerdì 1 settembre 2017 – Valdocco
CONSIGLI DELLE CEP

Ore 14.30: preghiera e inizio lavori

Ore 15.00: “I giovani: sono diversi dai giovani di una volta? Quali sfide pongono alle nostre comunità?” – don Vincenzo Salerno (Direttore del dipartimento di Pedagogia sociale dello IUSVE – Direttore della Comunità per adolescenti ‘La Viarte’ di Santa Maria La Longa)

Ore 16.00: dibattito e confronto

Ore 16.30: pausa

Ore 17.00: confronto guidato divisi per case

Ore 18,45: Conclusioni dell’Ispettore

Ore 19,10: Vespri

Ore 19,30: Cena

Sabato 2 settembre 2017 – Valdocco
ASSEMBLEA DEI CONFRATELLI

Ore 09.00: preghiera e inizio lavori

Ore 09.30: “Il Sinodo e il cammino della Chiesa Italiana” – don Michele Falabretti  (direttore dell’ufficio CEI di Pastorale giovanile)

Ore 10.30: dibattito e confronto

Ore 11.00: pausa

Ore 11.30: incontro con l’Ispettore

Ore 12.30: pranzo

In preparazione della 48′ Settimana Sociale

Avvicinandosi l’appuntamento della 48° settimana sociale dei cattolici in Italia in programma a Cagliari dal 26 al 29 Ottobre 2017, si è ormai definito quello che sarà il ricco programma dell’appuntamento.

Il lavoro come vocazione, opportunità, valore, fondamento di comunità e promotore di legalità. Sono le cinque “prospettive” verso cui sono chiamati a guardare i cattolici italiani a partire dal tema “Il lavoro che vogliamo. Libero, creativo, partecipativo e solidale”. A declinarle è la lettera-invito, scritta dal Comitato scientifico e organizzatore delle Settimane sociali e a firma del suo Presidente, il Vescovo di Taranto Mons. Filippo Santoro, indirizzata – per tramite dei rispettivi vescovi diocesani – a tutti i “cattolici in Italia”.

“Il paradigma del lavoro come ‘impiego’ – riporta la missiva – si sta esaurendo con una progressiva perdita dei diritti lavorativi e sociali, in un contesto di perdurante crisi economica che coinvolge fasce sempre più ampie della popolazione. È forte la necessità che quel modello di ‘lavoro degno’ affermato dal Magistero sociale della Chiesa e dalla Costituzione italiana trovi un’effettiva attuazione nel rispetto e nella promozione della dignità della persona umana”. Da qui le cinque prospettive, a partire dalla vocazione al lavoro, che “va formata e coltivata attraverso un percorso di crescita ricco e articolato, capace di coinvolgere l’integralità della persona”. In secondo luogo (“opportunità”) “la creazione di lavoro non avviene per caso né per decreto, ma è conseguenza di uno sforzo individuale e di un impegno politico serio e solidale”. Poi, “il lavoro è valore in quanto ha a che fare con la dignità della persona, è base della giustizia e della solidarietà sociale e genera la vera ricchezza”. “È fondamento di comunità, perché valorizza la persona all’interno di un gruppo, sostiene l’interazione tra soggetti, sviluppa il senso di un’identità aperta alla conoscenza e all’integrazione con nuove culture, generatrice di responsabilità per il bene comune”. Infine, “rispetto a un contesto in cui l’illegalità rischia di apparire come l’unica occasione di mantenimento per se stessi e la propria famiglia”, il lavoro degno deve promuovere la legalità, e quindi “diventa indispensabile creare luoghi trasparenti affinché le relazioni siano autentiche e basate sul senso di giustizia e di eguaglianza nelle opportunità”.

 

 

 

 

Quando la scuola dialoga con le aziende

L’edizione de La Stampa di Cuneo del 16 Luglio 2017 riporta un articolo sull’alternanza scuola lavoro e sul dialogo con le aziende:

L’alternanza tra lo studio e il lavoro fornisce a molti ragazzi un bagaglio culturale e professionale importante per il futuro Studenti dell’Enologica di Alba impegnati nei vigneti della scuola. (Alberto Prieri – La Stampa ed. Cuneo)

«Finalmente la scuola dialoga concretamente con le aziende». Il professor Giancarlo Cardone, referente degli stage al Cigna-Baruffi-Garelli di Mondovì, non ha mai tempo per fare tutto, ma crede nell’alternanza scuola-lavoro che, in provincia, coinvolge migliaia di ragazzi, quasi tutti quelli delle classi terze e quarte (in alcuni casi anche di seconda e quinta). La legge impone 200 ore nei licei, 400 negli istituti tecnici e professionali, una parte in classe come formazione o azienda simulata, il resto in imprese, studi professionali, enti pubblici. Obiettivo: creare uno stretto rapporto tra scuole e realtà produttive, così da passare «dalla teoria alla pratica». «La scuola contatta le aziende e orienta i ragazzi in base ai loro interessi, le industrie a volte fanno colloqui preliminari, poi si parte» riprende il professor Cardone. Alstom a Savigliano, Merlo a Cervasca, Bottero a Cuneo, Silvachimica a San Michele Mondovì, F.I. Automazione a Caramagna, Università di Torino, sono solo alcune delle realtà che accolgono studenti. Filippo Turco è al quarto anno del liceo Scienze applicate a Mondovì e ha passato tre settimane alla Federal Mogul di Mondovì: «Ho seguito il controllo dei materiali, le verifiche sulle pastiglie dei freni, i test nel laboratorio chimico e sono stato colpito dal lavoro di squadra tra i dipendenti». «Talvolta, aziende o enti locali diventano “committenti” – conclude Cardone -: per i comuni di Lisio, Battifollo e Viola i ragazzi analizzano le acque e progetteranno un impianto di fitodepurazione».
ALCUNI NUMERI. Al Cigna-Baruffi-Garelli sono oltre 300 gli studenti in alternanza, altrettanti al Guala di Bra, 432 al Grandis di Cuneo, 454 all’Arimondi-Eula di Savigliano (compresa la sede di Racconigi), 409 al Vallauri di Fossano, 130 all’Umberto I di Alba.
Qui gli stage di quinta si fanno a scuola, su campi e vigneti dell’istituto, anche per la vendemmia e la vinificazione delle uve. «Gli studenti sono impegnati in attività qualificanti, come la stampa 3D e la prototipazione in Alstom – spiega Paolo Cortese, dirigente del Vallauri a Fossano -. Qui, come in tutti gli altri istituti, la scuola ha completato la formazione per la sicurezza prima che i ragazzi entrassero negli stabilimenti». Quattordici quelli che, da tutti gli istituti superiori di Cuneo, hanno fatto stage nei vari uffici della Provincia. I docenti visitano le imprese, si confrontano con i tutor aziendali. «I nostri ragazzi scrivono un resoconto giornaliero sulla piattaforma web che abbiamo creato», dice la professoressa Ilaria Morra del Guala di Bra. «Il risultato dell’alternanza è quasi sempre positivo, molti vengono poi assunti – interviene Eliana Lerda, vicepreside al Grandis di Cuneo -. Il nostro istituto, primo in Italia, ha sottoscritto una convenzione con McDonald’s: due ragazze dell’indirizzo turistico saranno impegnate 120 ore all’Auchan».
Dal Pellico di Saluzzo (parte dell’Istituto Denina), chi frequenta il corso socio-sanitario lavora in case di riposo, asili nido, strutture per anziani o disabili.
Nei Cnos-Fap, i centri di formazione professionale dei Salesiani, alcuni allievi hanno fatto 550 ore perché assunti con contratto di apprendistato: a Bra, i meccanici hanno lavorato alla Bosch Car Service di Torino; a Saluzzo, quelli del corso in panificazione all’Albertengo panettoni di Pinerolo. I problemi a microfoni spenti: dirigenti e professori lamentano di dover fare «le nozze con i fichi secchi: il Ministero impone montagne di carte, km per visitare le aziende, ore per valutare i risultati senza dare sufficienti risorse».

 

 

 

 

Nuovo corso ITS destinato alla formazione della figura del GASTRONOMO

Il 14 Luglio 2017 sarà pubblicato il bando per la selezione degli allievi del nuovo corso della fondazione ITS Agroalimentare per il Piemonte volto a formare la figura del Tecnico superiore della valorizzazione delle produzioni agroalimentari – gastronomo, un professionista in grado di comunicare sia col produttore che con il consumatore, di fondamentale importanza sia per le competenze tecniche che possiede ma anche per quelle culturali e sociali relative a tutto ciò che concerne la produzione, la distribuzione e il consumo del cibo.

Il corso si terrà a Torino presso il CNOS-FAP Valdocco, in via Maria Ausiliatrice 36.

I posti disponibili sono 30.

Il corso è interamente finanziato da Regione Piemonte e MIUR, quindi gratuito per i partecipanti. Al termine del percorso biennale di 1800 ore, 600 delle quali dedicate a esperienze lavorative in azienda, si accede all’esame di Stato per il rilascio del Diploma di tecnico Superiore, V livello EQF. È prevista la concessione di crediti formativi. Il corso è in attesa di approvazione e finanziamento.

Visita il sito dell’ITS

 

Guarda il video di presentazione del nuovo corso:

LA FONDAZIONE SCHNEIDER ELECTRIC FINANZIA PROGETTI DELLE SCUOLE SALESIANE NEL MONDO

La Fondazione di Schneider Electric donerà 2 milioni di euro per finanziare 5 progetti di Formazione
Professionale Salesiana selezionati fra le numerose scuole tecniche e professionali presenti in tutto il
globo. La firma dell’accordo è avvenuta presso l’Istituto Salesiano del “Sacro Cuore” che è la prima Opera
romana fondata da Don Bosco. La collaborazione fra i Salesiani e la Schneider Electric nasce circa sedici
anni fa da una comune visione della persona come protagonista attiva dello sviluppo umano e sociale. Un
sodalizio che si è poi articolato all’interno dei rapporti fra i Centri di Formazione Professionale Salesiana del
CNOS-FAP e l’azienda francese. La firma dell’accordo rafforza una lunga collaborazione che si è
concretizzata con l’incontro fra i vertici dell’azienda e il Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime
(decimo successore di Don Bosco). Successivamente tutto il mondo salesiano legato alle opere di
Formazione Professionale, si è attivato per presentare progetti di sviluppo sui temi delle energie rinnovabili
e della sostenibilità, che sono stati selezionati dal Consiglio Generale dei Salesiani e visionati dalla Sede
Nazionale del CNOS-FAP, da Schneider Electric Italia e da Schneider Electric Foundation.

(www.schneiderelectric.com)

I ragazzi del Cnos Fap di Muzzano a Hong Kong

Si riporta la notizia apparsa su La Stampa e l’Eco di Biella relativa alla presentazione a Hong Kong dell’edizione italiana curata dai ragazzi del Cnos Fap di Muzzano della storia di Shanbo e Yingtai.

Ieri. a Hong Kong, una delegazione di studenti dell’istituto salesiano Cnos Fap di Muzzano ha presentato l’edizione italiana della storia cinese degli innamorati Shanbo e Yingtai alla Dante Alighieri Society. Invitati dal consolato italiano e accompagnati da Raffaele Micheletti, biellese che ha acquistato i diritti dalla casa editrice New World di Pechino per la traduzione in italiano della tragedia gemellata con quella di Romeo e Giulietta, e dagli insegnanti Stefano Ceffa e Manuela Bonardi, i ragazzi hanno presentato al pubblico il libro da loro stessi tradotto dall’inglese all’italiano. Non c’è cinese che non conosca la tragedia di Shanbo e Yingtai, uno dei migliori esempi di letteratura popolare antica narrato per secoli.

(La Stampa, Biella e Provincia – 1 luglio 2017)

L ‘ hanno tradotta ” L ‘ amore e una farfalla, anzi due… ” . Si tratta della novella cinese di Liang Shanbo e Zhu Yingtai, meglio noti come i ” Romeo e Giulietta dell ‘ Estremo Oriente ” . La loro – si parla del Cnos Fap di Muzzano – è la prima traduzione in italiano dell ‘ opera, da un ‘ idea di Raffaele Micheletti. Che con sé porta anche uno scopo benefico: tutti i ricavati dalle vendite andranno, infatti, alla Foundation for the Right of Education ” . La presentazione dell ‘ opera , che conta sull ‘ appoggio dell ‘ altro centro professionale salesiano Cnos Fap di Vigliano Biellese e del più grande Cnos Fap Piemonte Orientale, è avvenuta venerdì – 30 giugno – alla scuola Dante Alighieri di Hong Kong, per una serata alla quale ha partecipato un folto pubblico di abitanti della realtà cinese, che in questi giorni ha tral ‘ altro festeggiato lo scoccare dei vent’anni della sua riconsegna alla Cina. Il viaggio. Illustrazione, con accoglienza degli insegnanti locali della scuola, quindi visite culturali alle principali attrazioni e assaggio di piatti tipici, per la delegazione biellese formata da studenti e guidata dal formatore del Cnos Fap Regione Piemonte Stefano Ceffa ( in foto, il gruppo con Francesco Marascia, il responsabile dei corsi di italiano alla ” Dante Alighieri ” di Hong Ko n g ). La storia. Ma com ‘ è nata questa iniziativa? Da un soggiorno a Hong Kong, ormai di vent ‘ anni fa, dell ‘ ideatore, Raffaele Micheletti, che tanto ha apprezzato la storia datata tra il 265 e il 420 d. C. e conosciuta già dall ‘ epoca della dinastia Tang the Tang Dinasty (618-907 d. C).

(Eco di Biella – 3 luglio 2017)

 

Trucca Bimbi… l’originale corso professionale del CNOS-Fap di San Benigno!

SAN BENIGNO – Originalissima iniziativa del Cnos-Fap dell’Istituto Salesiano: un corso di Trucca Bimbi. Si tratta di un vero e proprio… ciclo scolastico, per apprendere un’arte che può diventare lavoro, o che comunque può aiutare famiglie ed educatori nel loro rapportarsi con i bambini.

Il corso consente di apprendere a piccoli passi le modalità per realizzare divertenti trucchi su bambini (ma anche su adulti o, perché no, su se stessi!) partendo da realizzazioni più semplici e veloci fino ad arrivare a realizzazioni più complesse. All’inizio del corso l’allievo potrà apprendere, tramite semplici esercizi, come utilizzare al meglio il materiale e come stendere il colore, quindi imparerà come realizzare le figure più richieste dai bambini attraverso la visione di realizzazioni di maschere di difficoltà crescente su bambini di diverse età. Saranno date indicazioni utili per l’organizzazione di piccoli eventi (feste di carnevale, feste di compleanno, feste a tema) e verrà messo a disposizione un campionario di foto di realizzazioni da utilizzare come promemoria nel corso dei primi eventi.

Presso la segreteria (segreteria.sanbenigno@cnosfap.net ), o telefonando allo 011-98.24.311, si possono chiedere informazioni su argomenti, materiali, orari, quote d’iscrizione e quant’altro.

Di seguito la notizia pubblicata su il Risveglio Popolare

20/06 -Giornata Mondiale del Rifugiato

In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, che si celebra il 20 giugno, i Salesiani in Italia saranno impegnati nella presentazione di alcune storie di accoglienza, integrazione e riscatto dei giovani rifugiati, raccontando come il sistema preventivo di Don Bosco si concretizza in percorsi e progetti diversificati e complementari che offrono al giovane rifugiato una risposta allo stesso tempo globale e graduale: accoglienza, integrazione e inclusione sociale, accompagnamento all’indipendenza.

Appuntamento martedì 20 giugno ore 11 presso la Sala Don Bosco dell’Istituto Sacro Cuore sito in via Marsala 42 a Roma.