Festa di don Bosco: La celebrazione solenne in duomo, domenica 27 gennaio

“Nell’Eucarestia una vita piena”

Le parole ai giovani del superiore don Enrico Stasi

Un augurio, e un invito, ad avere “una vita piena di fede, speranza e amore, ad avere desideri, a scoprire e amare il proprio essere persona unica e originale, a rispondere il proprio sì all’invito del Signore a sedere a mensa con Gesù Eucarestia”.

Lo ha fatto ai giovani presenti don Enrico Stasi, superiore dei Salesiani del Piemonte e Valle d’Aosta e della Lituania la scorsa domenica 27 gennaio, nell’omelia della messa solenne in cattedrale, in onore di San Giovanni Bosco (la cui memoria liturgica è stata celebrata giovedì 31 gennaio).

Animata dai canti proposti dal coro di giovani diretti dal direttore dei frati di San Nazzaro alla Costa e alcuni sacerdoti diocesani. A occuparsi del servizio liturgico tanti chierichetti in rappresentanza delle scuole salesiane di Novara, primarie, secondarie di primo grado e del liceo.

Proprio gli alunni hanno gremito la cattedrale durante la celebrazione, con la presenza numerosa anche delle famiglie, degli insegnanti degli amici di don Bosco.

 

Festa Don Bosco 2019: l’augurio di Don Enrico Stasi

In occasione della Festa di don Bosco, ecco le parola di Don Enrico Stasi – Ispettore di Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania e presidente Cnos-Fap Piemonte – che arriva a tutti noi con una lettera per un augurio ed un saluto:

Carissimi formatori, allievi, genitori e personale tutto del CNOS FAP Piemonte,

in occasione della festa di don Bosco vi giunga il mio saluto più affettuoso.

La festa del padre e amico dei giovani è motivo di grande speranza. Don Bosco credeva nei giovani, era un grande scopritore di talenti e invitava tutti gli educatori a trovare in ogni giovane “un punto accessibile al bene su cui far leva”. La formazione professionale salesiana ha questo grande obiettivo: scoprire e far crescere talenti e capacità accompagnando ogni giovane nel suo percorso di crescita ed educandolo ad essere, come diceva don Bosco: “un buon cristiano, un onesto cittadino e un futuro abitatore del cielo”.

L’ultimo sinodo dei vescovi che si è occupato dei giovani, ci esorta a camminare con loro e soprattutto ad ascoltarli dedicando tempo ed energie; purtroppo oggi i giovani sperimentano come la loro voce non sia ritenuta interessante e utile in ambito sociale, politico ed ecclesiale. E per quanto riguarda il tema del lavoro il Sinodo così si esprime:

“Il mondo del lavoro resta un ambito in cui i giovani esprimono la loro creatività e la capacità di innovare. Al tempo stesso sperimentano forme di esclusione e di emarginazione. La prima e più grave è la disoccupazione giovanile, che in alcuni Paesi raggiunge livelli esorbitanti”.

Don Bosco nel suo tempo appena arrivato nella città di Torino si indirizza proprio a loro, a quei giovani che egli definisce poveri abbandonati e pericolanti. Essi vivevano nei quartieri più poveri e dovevano provvedere a loro stessi con tutti i mezzi possibili. Tra loro c’erano anche giovani immigrati che venivano da fuori città e svolgevano lavoro stagionale nei cantieri edili. Per don Bosco tutti erano a rischio, commettevano reati che li esponevano al carcere e erano vittime dello sfruttamento del lavoro senza alcuna tutela. Si deve tenere anche conto che il 40% circa dei giovani sotto i venti anni era analfabeta e che nei posti di lavoro si contraevano malattie, allora mortali, come la tubercolosi, e le infezioni virali di diverso tipo. Non erano rispettata alcuna attenzione nei confronti delle condizioni igieniche né venivano considerati i più elementari diritti inerenti le attività lavorative.

Tutto questo interpellò don Bosco a tal punto che subito elaborò la proposta che oggi è diventata la Formazione professionale e l’inserimento che forma concreta di salvezza della loro vita o, come direbbe lui, per la salvezza delle anime.

Don Bosco oggi è vivo attraverso i suoi figlie e sue figlie che si spendono per donare ai giovani, soprattutto i più bisognosi, tutto il sostegno necessario per la loro crescita integrale e per garantire loro un futuro dignitoso.

Al lui affidiamo la formazione professionale dei salesiani della sua terra e chiediamo la sua potente intercessione

Torino, 31 gennaio 2019

 

Servizio Civile – Pubblicate le graduatorie del bando 2018

Si rende noto che in data 27 Novembre 2018, sono stati pubblicate le  GRADUATORIE BANDO NAZIONALE – ISPETTORIA SALESIANA DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D’AOSTA (ICP).

Icp News VII/17

Nuovo numero del notiziario ispettoriale

Per avere gli arretrati clicca

Icp News VII/16

Nuovo numero del notiziario ispettoriale

Per avere gli arretrati clicca

Icp News VII/15

Nuovo numero del notiziario ispettoriale

Per avere gli arretrati clicca

Icp News VII/13 e 14

Nuovo numero del notiziario ispettoriale

Per avere gli arretrati clicca

Icp News VII/12

Nuovo numero del notiziario ispettoriale

Per avere gli arretrati clicca

Icp News VII/11

Nuovo numero del notiziario ispettoriale

Per avere gli arretrati clicca

Icp News VII/09 e 10

Nuovi numeri del notiziario ispettoriale.

Per avere gli arretrati clicca